miti-humus-lombrico 7 miti sull’Humus di lombrico

7 miti sull’Humus di lombrico

L'humus solido di lombrico è un fertilizzante organico ottenuto mediante trasformazione della materia organica grazie all'azione del lombrico rosso californiano (Eisenia foetida).

Ma nonostante sia un prodotto che è stato presente nelle colture in modo naturale, rimane spesso un grande sconosciuto e solleva molte false idee che non hanno nulla a che fare con la realtà del prodotto.

Per tutto questo, presentiamo un elenco con 7 idee sbagliate che il mondo agricolo ha verso l’humus di lombrico, al fine di poterli demistificare.

1. È un abbonamento come un altro

L'humus di lombrico non è paragonabile ai fertilizzanti chimici esistenti sul mercato, è un prodotto che va oltre. È composto da carbonio, ossigeno, azoto e tutti i macro e microelementi utilizzati originariamente.

La microflora benefica contenuta nell'humus di lombrico non è paragonabile a nessun fertilizzante simile poiché contiene fino a due miliardi di colonie per grammo di campione. Questa quantità di microrganismi lo rende il miglior inoculatore di vita nei suoli.

 

2. La cosa più importante dell'humus è la materia organica

La materia organica dell'humus è di straordinaria qualità. Tuttavia ciò che può favorire maggiormente la coltivazione è il fatto che è un'importante fonte di microrganismi benefici per il suolo come: funghi, batteri, actinomiceti e alghe. Tutti questi sono responsabili della solubilizzazione dei nutrienti in modo che la pianta possa trarne vantaggio.

La sua azione antibiotica, creata da quella benefica comunità microbiologica, aumenta la resistenza delle piante a parassiti e agenti patogeni.

I suoi effetti sono perfettamente visibili: aumenta notevolmente le dimensioni di piante, alberi e arbusti rispetto ad altri esemplari della stessa età.

 

3. L'humus di lombrico è uguale al normale compost

Forse può essere confuso ad occhio nudo con un normale compost, che ha seguito un processo di compostaggio solo da microrganismi e funghi e per questo sembra simile.

Tuttavia, può essere riconosciuto dall'odore della terra della foresta, che non dovrebbe essere spiacevole in nessun caso, e dalla trama fine (se gli aggregati vengono schiacciati).

Ma la differenza non sta tanto nell'aspetto quanto nelle proprietà che porta alle colture: una microflora benefica, con una buona stabilità del prodotto e un grado di decomposizione tale che il materiale non subisce più grandi trasformazioni.

 

4. Può bruciare le piante

Questa idea è molto diffusa ma, come abbiamo già intuito, è falsa. L'humus di lombrico solido fornisce materia organica così stabile e decomposta che non influisce negativamente sulle radici delle piante.

Per questo motivo, è molto comune nelle piantagioni orticole che il prodotto sia fornito nello stesso buco di piantagione, in modo che sia in contatto con le radici delle piante. In questo modo, è possibile prevenire le malattie ed evitare shock dovuti a lesioni o improvvisi sbalzi di temperatura.

 

5. L’Humus ha solo un effetto a livello di radice

La verità è che, sebbene l’Humus abbia un effetto immediato sulle radici, la pianta beneficia in un modo meno ovvio.

Ricerche recenti mostrano che l'incidenza di malattie fungine a livello fogliare è molto meno pronunciata a causa di un miglioramento della salute generale della pianta stessa.

Ma gli effetti dell'Humus vanno oltre la salute, poiché il vantaggio può essere visto anche nei frutti, ottenendo una migliore consistenza, un peso più elevato, una durabilità molto più pronunciata del frutto rispetto ai fertilizzanti tradizionali.

 

6. È un prodotto non adatto a tutte le piante

Essendo un prodotto presente, con più o meno assiduità, in natura, ci fa vedere che è benefico per qualsiasi tipo di pianta, sia nelle colture che in quelle decorative. 

Non solo può rendere la salute del substrato migliore, ma fornisce anche materiale organico che trattiene i nutrienti meglio di qualsiasi altro tipo di substrato che possiamo acquistare.

 

7. È un nuovo prodotto

Le sue origini risalgono a molto tempo fa. Gli egiziani avevano una grande devozione per i lombrichi ed era chiaro che grazie a questi animali c'era fertilità nella valle del Nilo.

Più tardi, nell'antica Grecia, Aristotele battezzò i lombrichi con gli intestini della terra, per la loro grande mobilità all'interno del suolo e per essere una parte importante del suolo. I Greci erano già consapevoli dell'utilità all'interno dell'ecosistema di questi animali.

Tuttavia, non fu fino all'arrivo di Charles Darwin che il lombrico acquisì il suo peso attuale. Dopo le sue indagini, ha concluso che i lombrichi sono responsabili della formazione del mantello vegetale e che questo è il prodotto della sua attività digestiva. Tutti i loro studi sono stati pubblicati in un libro, che sorprendentemente ha registrato più vendite di “The Origin of Species”.

Escludendo questi miti siamo stati in grado di verificare che il humus di lombrico non è solo un altro fertilizzante, ma che ha qualità così straordinarie in termini di salute, nutrizione e miglioramento del suolo che altri fertilizzanti non possono vantare.